fbpx
L'Abbazia di San Galgano - © Vaghis - viaggi & turismo Italia - Tutti i diritti riservati
L’Abbazia di San Galgano, vicino Siena, raccoglie intorno a sé l’aura leggendaria di prodi cavalieri

LAbbazia di San Galgano viene introdotta da un viale di cipressi che fiancheggia la collina di Montesiepi attraverso una leggenda che trova le sue radici nel cavaliere medievale e santo italiano Galgano Guidotti che scelse un’esistenza da eremita, auto-escludendosi da una vita socialmente attiva per entrare a stretto contatto con la natura lungo un percorso di ascesi. Come dimostrazione pragmatica di rinuncia ad ogni bene materiale, Galgano piantò la sua lucente spada, discostandosi totalmente dal materialismo terreno.
La spada assunse nel corso dei secoli una fama mondiale dal momento che ancora oggi si trova all’interno dell’eremo e nessuno è mai riuscito ad estrarla.

 

La Spada nella Roccia: Abbazia di San Galgano - © Vaghis - viaggi & turismo Italia - Tutti i diritti riservati

La Spada nella Roccia: Abbazia di San Galgano – © Vaghis – viaggi & turismo Italia – Tutti i diritti riservati

 

Starà balenando nelle vostre menti un richiamo all’antica leggenda di re Artù e della spada nella roccia ed il ciclo bretone, che narra le vicende dei cavalieri della Tavola Rotonda, è arricchito dallo scrittore medievale Chrétien de Troyes, contemporaneo di San Galgano.

Messe da parte le gesta eroiche su ammalianti destrieri, l’Abbazia è stata costruita tra 1218 e 1288 dai monaci cistercensi in pieno stile gotico, godendo di una rafforzata religiosità territoriale finché la peste e le carestie non si abbatterono sulla popolazione.

In virtù di questo i monaci la abbandonarono nel XV secolo, trasferendosi a Siena.

 

L'Abbazia di San Galgano - © Vaghis - viaggi & turismo Italia - Tutti i diritti riservati

L’Abbazia di San Galgano – © Vaghis – viaggi & turismo Italia – Tutti i diritti riservati

 

Il fatto che l’Abbazia sia priva del tetto, elemento che oggi la rende maggiormente affascinante, è riconducibile al 1503 quando un abate commendatario fece rimuovere, per poi vendere, la copertura in piombo del tetto della chiesa.
La pianta a croce latina segue lo schema architettonico tipico delle chiese in Francia di stampo gotico. 

La facciata incompiuta ha tre portali con archi a pieno centro ed i muri sono aperti da monofore e bifore ogivali dove sono presenti frammenti della decorazione che le ornava.

L’interno è suggestivamente ricoperto dal prato e la navata mediana, priva delle volte gotiche crollate, è interamente irradiata dalla luce solare che rende l’Abbazia di San Galgano un posto nel mondo dove potersi affidare ad una tranquilla e fluente riflessione cosmica.

  INFORMAZIONI UTILI

Abbazia di San Galgano

Strada Comunale di San Galgano – 53012 Chiusdino SI
Tel. +39 0577 756738
Sito web: www.abbazia-san-galgano.business.site

Orari visite

lun: 10:00–20:00
mar: 10:00–20:00
mer: 10:00–20:00
gio: 10:00–20:00
ven: 10:00–20:00
sab: 10:00–20:00
dom: 10:00–20:00