fbpx
Scarpet
Nate per proteggere i piedi in ogni momento dell’anno, le scarpet friulane sono oggi sinonimo di tradizione e innovazione

Necessità fa virtù. È proprio questo il caso di una delle produzioni artigianali più particolari del Friuli-Venezia Giulia. Le “scarpet”, anche note come “friulane”, possono essere considerate dei veri e propri rimedi della nonna, indossate dalle donne per proteggere i piedi a seconda della stagione. Nonostante le prime testimonianze riguardo queste scarpette realizzate con materiali poveri risalgano solamente al XIX secolo, si tratta in realtà di una tradizione millenaria. 

Sarte esperte o amanti del cucito e del ricamo si adoperano da sempre nel riutilizzo di materiali che avanzano in casa, come sacchi di iuta e pezzi di stoffe: qualsiasi tessuto è perfetto per realizzare scarpe comode e adatte ad ogni tipo di temperatura. Venivano e vengono così tutt’ora prodotte ciabatte in grande stile, decorate con fili d’oro, velluto e ricami.

 

Scarpet

Scarpet

 

Il tipo di approccio adottato ricorda quella che oggi viene definita mentalità green, che si basa sul riutilizzo di prodotti già esistenti per evitare l’aumento di scarti. Ciononostante, anche le scarpet hanno recentemente subito un processo di industrializzazione, inevitabile e in linea con i tempi. Sono infatti nati nuovi marchi che preservano la tradizione mentre sono alla ricerca di materiali pregiati da utilizzare e nuove combinazioni di colori e fantasie da proporre. La combo di tradizione e ricerca ha fatto così sbarcare le scarpet friulane nel mercato nazionale

Dall’aspetto grazioso ed elegante, le scarpet sono oggi un indumento molto gettonato, in grado di donare un tocco di freschezza e sofisticatezza anche agli outfit più semplici. In alcune zone del Friuli-Venezia Giulia è ancora possibile incontrare artigiani che preservano le tecniche della tradizione incoraggiando il commercio locale.

 

Scarpet

Scarpet