IL COMPLESSO DI SANT’ORSO AD AOSTA

Postato su Giugno 14, 2018, 12:55 am
6  minuti

Il complesso di Sant’Orso, di forma inizialmente romanica e successivamente gotica, comprende la Collegiata, il Chiostro, il Priorato e il Campanile.

di Flaminia La Malfa

Al V secolo risalgono le origini della Collegiata che venne poi ricostruita e ingrandita, per volere del vescovo Anselmo, intorno al X-XI secolo, inglobando nella sua struttura il campanile – acquisendo, per questo, una forma asimmetrica verso Nord – e assumendo l’immagine con la quale ancora oggi si presenta.

Complesso di Sant’Orso Aosta

Esternamente colpisce la forma a salienti, caratterizzata da una serie di tetti spioventi che si susseguono e si alternano a diverse altezze.

Internamente i pilastri a sezione quadrangolare dividono la chiesa in tre navate, la centrale delle quali è separata dal coro da un tramezzo in marmo con tre archi. Alzando gli occhi al cielo potrete osservare il soffitto costituito dalle volte a crociera. Durante la vostra visita soffermatevi sugli affreschi ottoniani che potrete osservare tra il tetto e la copertura della navata centrale.

Tramite un varco aperto a destra della facciata si accede al chiostro; in stile romanico, è stato costruito nel XII secolo e risistemato nel XIV-XV secolo. Esempi di scultura romanica religiosa, le colonne, semplici o binate, presentano capitelli istoriati con scene religiose dell’Antico e del Nuovo Testamento e del Vangelo, ma anche con immagini tratte da racconti popolari e dalla vita di sant’Orso e relative alle vicende della Collegiata.

Il Campanile, che svetta nella piazza, ha pianta quadrangolare con massi quadrati, nella parte inferiore, e trifore, nelle parti superiori. Alto 44 mt, risale al XII secolo e faceva parte di un sistema difensivo più ampio.

A destra della chiesa, con 3 corpi di costruzione e 5 arcate, si erge la sede del Priorato, di origini più antiche, ma risistemata nel 1468 per volere del priore Georges de Challant, al quale si devono anche opere di risistemazione delle altre parti del complesso.

PER ALTRE INFO  CLICCA QUI