fbpx
Gli appennini lucani offrono ai turisti amanti della natura, uno dei ponti tibetani più lunghi del mondo e la visita al caratteristico Sasso di Castalda

 

Lavventura si sa, è un’esperienza per coraggiosi e quella che viene offerta dal ponte tibetano di Sasso di Castalda in Basilicata è qualcosa di spettacolare. Il Ponte alla luna, in provincia di Potenza, infatti, è uno dei ponti sospesi più lunghi e affascinanti del mondo e collega il centro cittadino al Castello di Sasso di Castalda

Il nome “ponte alla luna” è stato dato in ricordo di Rocco Petrone, ingegnere cresciuto negli Stati Uniti e figlio di una coppia del luogo. Stimato professionista all’interno di Cape Canaveral, è considerato dal team della NASA, un uomo chiave per il primo volo sulla Luna. L’ingegnere credeva nel legame e quindi “ponte” tra la terra e la luna, come un legame che avrebbe unito ancor di più l’umanità.

 

 

Ponte alla luna

 

Il ponte tibetano che sovrasta la vallata ricorda il lavoro di Petrone trasformando le sue idee, in esperienza tattile: toccare la fune che regge il ponte e attraversarlo superando ogni tipo di barriera, dalla paura all’indifferenza, dalla differenza alla paura dell’ignoto. Oltrepassare un ponte del genere è fidarsi di chi sta accanto a noi, di chi lo ha costruito e lo custodisce, ma anche trovare il coraggio di superare la paura dell’ignoto, dell’altezza, perché il “viaggio è più importante della meta”. 

È possibile affrontare i due percorsi acrobatici a passarella d’assi, il “Ponte Petracca” e il “Ponte alla Luna” che si sviluppano sulle sponde del “Fosso Arenazzo”. Per arrivare al ponte bisogna prima attraversare le vie del centro storico, passando per le sue caratteristiche case in pietra, che rappresentano la forza, la caparbietà e la tenacia di un borgo che qui ha rafforzato le sue tradizioni oltre al proprio carattere.

 

Ponte alla luna

 

Il “Ponte Petracca”, il primo da attraversare, è lungo 95 metri ed è sospeso a 30 metri d’altezza. Al termine del primo passaggio, si giunge sulla sponda del Fosso e dopo 10 minuti di cammino si giunge al “Ponte alla Luna”. Questo è lungo 300 metri e si cammina nel vuoto a 102 metri d’altezza su una passerella composta da 600 gradini orizzontali. Il panorama è incredibile! In basso, infatti, su può scorgere il torrente, la vegetazione che si sporge verso l’alto, osservare l’antico borgo e gli appennini lucani e chissà, imbattersi nei cervi che popolano quei boschi. Senza contare la sensazione d’ebbrezza di camminare nel vuoto, immaginando di toccare le nuvole con un dito, anche se potrebbe essere solo nebbia, e sognando di percorrere la distanza che ci separa dalla luna, così come ricorda il nome del ponte stesso.

 

Ponte alla luna

 

Una volta giunti dall’altra parte, sarà possibile visitare i ruderi del Castello di Sasso di Castalda, che domina fin dal tempo dei normanni, l’intero paese. Qui, sulla piattaforma trasparente, è possibile ammirare ancora una volta il panorama anche attraverso un binocolo ruotante a 360°. Per tutte queste bellezze il luogo attrae ogni anno centinaia di persone amanti dell’avventura e del trekking esaltante. 

L’ebbrezza di oltrepassare il vuoto camminando sulle proprie gambe, mentre lo sguardo si rivolge dal cielo alla terra, dalle nuvole alla vegetazione sottostante, sono sensazioni che restano impresse nell’animo di chi attraversa con coraggio il “ponte alla luna”.

  INFORMAZIONI UTILI

Ponte alla Luna

Piazza del Popolo – 85050 Sasso di Castalda (PZ)
Tel. 347 0979181
Sito web: www.pontetibetanosassodicastalda.com

Email: [email protected]

Comune di Sasso di Castalda

Via Roma, 2 – 85050 Sasso di Castalda (PZ)
Tel. 0975 385016
Sito web: www.comune.sassodicastalda.pz.it
Email: [email protected]