Please Enable JavaScript in your Browser to visit this site

ASCOLTA L'ARTICOLO

i Questo audio è generato in automatico ed è letto da una voce neurale, per cui potrebbero esserci dei difetti di pronuncia o intonazione.
Guardare il mondo attraverso i filtri di una macchina da presa e diventare turisti sulla scia dei film che si sono amati è il modo migliore per viaggiare. Ecco come il cinema racconta l’Italia e la bellezza dei suoi angoli nascosti

Agli occhi del pubblico statunitense, l’Italia ha sempre rappresentato una sorta di luogo sospeso, una terra quasi mitica in grado di conservare un’idea di bellezza che difficilmente si può trovare in altri angoli del globo. Sotto il sole della Toscana è un film che rispecchia questa tendenza a vedere il Bel Paese come una destinazione dove l’impossibile diventa reale, a portata di mano. Un luogo di rinascita e redenzione. Tratta dal romanzo omonimo di Frances Mayes, la pellicola diretta da Audrey Wells racconta la storia di Frances (Diane Lane), una scrittrice in preda a una depressione che l’ha spinta dall’altra parte del mondo per cercare un modo di ritrovare un po’ di felicità. Ed è sotto il cielo terso della Toscana che la donna crede di aver ritrovato il proprio nuovo punto di partenza: in un vecchio casolare abbracciato dalle colline tondeggianti della Toscana, Frances pensa di poter riprendere in mano le briglie della sua esistenza. Circondata da personaggi eccentrici – interpretati, tra gli altri, da Sandra Oh di Grey’s Anatomy e da Raoul Bova – Frances dovrà imparare nuovi ritmi di vita, nuove culture e, soprattutto, dovrà di nuovo imparare a fidarsi di se stessa.

È indubbio che, nonostante un cast d’eccezione, Sotto il sole della Toscana faccia affidamento su un protagonista aggiunto, rappresentato dalla location sul cui sfondo si ergono le avventure di Frances.

Tra le varie località utilizzate per raccontare la crescita personale della protagonista, come la Roma trafficata e Positano baciata dal sole e dal mare, ce n’è una che rappresenta il marchio distintivo della pellicola. Vero cuore narrativo e visivo del film è dunque il centro storico di Cortona, cittadina che si trova a circa 30 km di distanza da Arezzo e che rappresenta forse uno degli esempi più affascinanti di quella Toscana fatta di colori caldi e orizzonti sconfinati dove il cielo prende per mano la campagna verdeggiante.

 

 

Cortona - Piazza della Repubblica e Palazzo comunale

Cortona – Piazza della Repubblica e Palazzo comunale

 

 

Cortona attira lo sguardo immediatamente con la centrale piazza della Repubblica, sovrastata dalla torre dell’orologio e dalla scalinata che sembra invitare il turista a lasciarsi guidare verso un’avventura che ha sconfitto i confini del tempo. Altrettanto centrale è piazza Signorelli, in cui è stata ricostruita la fontana per la famosa scena del film che omaggia La dolce vita, il capolavoro di Federico Fellini.

Per quanto riguarda, invece, la villa che Frances decide di acquistare e di scegliere come punto di partenza della sua reinvenzione, bisogna dire che ne esistono due: quella vera e quella usata per il film. La vera villa Bramasole – quella, cioè, in cui vive la scrittrice il cui libro ha ispirato il film – si raggiunge partendo proprio da piazza della Repubblica. Seguendo via Nazionale, in direzione piazza Garibaldi e lasciando a vostra destra l’immensità della Valdichiana, si può raggiungere il cosiddetto parco del Parterre. Percorso anche questo, si può cominciare a intravedere a sinistra il profilo di villa Bramasole, che comincia a occhieggiare al turista attraverso una fitta vegetazione che sembra essere stata messa lì a mo’ di scudo di protezione. Il nome della villa arriva proprio dalla sua disposizione: trovandosi a est, viene bagnata dalla luce del sole solo la mattina e per il resto della giornata non fa che bramare quella luminosità che invece le sfugge. Il turista si troverà così davanti una casa di una tonalità che tende al rosa, posta in una posizione sopraelevata, con una collina alle spalle. Trattandosi di una villa privata, ovviamente, non è possibile visitarne l’interno, ma basta passeggiare per i giardini di questa dimora dell’Ottocento per sentire sulla propria pelle lo stesso fascino che spinse Frances Meyes ad abbandonare le ampie strade di New York per cercare ristoro in Toscana.