SPECK DELL’ALTO ADIGE: UN PRODOTTO I.G.P.

Postato su Novembre 13, 2016, 11:38 am
4  minuti

Poco sale, poco fumo e molta aria fresca! … Quando il metodo di conservazione “di una volta” diventa la base della produzione di un prodotto I.G.P.

di Veronica Di Leonardo

La riuscita di un ottimo prodotto nasce sempre dalla conoscenza e la cura nello scegliere le materie prime. Così, che ancora oggi, possiamo essere travolti dalla sinfonia di profumi e sapori che caratterizzano il RE dei salumi Altoatesini, lo Speck dell’Alto Adige IGP.

Nato per esigenze di conservazione della carne di maiale, come il prosciutto nell’area mediterranea, alla stagionatura si è aggiunta l’affumicatura, tipica usanza del nord Europa. Proprio l’affumicatura

Festa dello speck

Festa dello speck

caratterizza il suo sapore donandogli la particolarità del gusto deciso grazie al fumo che lo inebria durante la sua preparazione, per poi lasciare spazio alla dolcezza della carne dovuta alla moderata salatura. Un’eccellenza nel settore della gastronomia del Trentino Alto Adige, che abbinato ad un buon bicchiere di Gewürztraminer, Riesling, Sylvaner, Müller Thurgau o Pinot Nero per chi ama i vini, o da una birra artigianale, dona la possibilità al nostro palato di percepire tutte le caratteristiche delle montagne: l’aria, la terra, i prati, la cultura e la tradizione in una MERENDA tipica della regione più a nord d’ITALIA.