CAPRI: “IL SALOTTO DEL MONDO”

Postato su Maggio 24, 2017, 9:11 pm
8  minuti

Capri con la sua storia e unicità meta di illustri artisti, scrittori e medici che hanno lasciato il segno nel “salotto del mondo”

di Monica Di Perna

Capri è una piccola isola con poco più di 7.000 abitanti in provincia di Napoli. Per lo splendore del suo territorio, per la particolare posizione e per il fatto di essere stata scelta come luogo di villeggiatura e di rifugio da illustri personaggi, ha acquisito a pieno titolo una posizione di assoluto prestigio tra le mete più visitate e più amate di questa regione. Non a caso viene definita il salotto del mondo.

Faraglioni visti dai Giardini di Augusto

Ricca di storia antica, legata non solo al mito di Ulisse e delle sirene, ma anche a illustri interventi più moderni sul territorio, Capri viene ricordata in tutto il mondo per la sua Piazzetta dove hanno transitato e tuttora transitano illustri personaggi, politici, nobili, imprenditori, falsi poveri e falsi ricchi tutti stregati dalla mondanità e dalla bellezza di questi luoghi.
Altro simbolo che cattura e immediatamente ci riconduce a Capri sono i faraglioni, i tre picchi rocciosi posizionati a sud-est dell’isola e che possono essere ammirati in un colpo d’occhio mozzafiato dai Giardini di Augusto.
Questi giardini inizialmente si chiamavano Giardini Krupp e, contrariamente a quanto si potrebbe pensare, non risalgono all’epoca augustea ma vennero realizzati proprio da Friedrich Alfred Krupp agli inizi del 1900. Questo ricco imprenditore, proprietario delle omonime acciaierie tedesche, era solito passare alcuni mesi dell’anno ospite della suite dell’Hotel Quisisana.
Innamoratosi dell’isola e mosso da motivi scientifici, in quanto dedito a ricerche biologiche marine, Krupp, che era solito ormeggiare il suo panfilo nella baia di Marina Piccola, decise di realizzare prima una strada più comoda di quella esistente all’epoca, che collegasse il centro storico con la spiaggia, la via Krupp per l’appunto, e poi di acquistare dei terreni dove realizzare la sua dimora caprese.
La via Krupp, lunga 1.346 metri, si compone di otto tornanti scavati nella pietra calcarea e proprio per la fragilità della costa è stata soggetta a diversi crolli che ne hanno determinato la chiusura anche per periodi piuttosto lunghi. Nel 2006 è stata riaperta al transito ma un’ulteriore frana ne ha causato una nuova chiusura. Nei primi mesi del 2017 è stata accettata la privatizzazione della stessa per poter procedere ai lavori di riparazione e la riapertura, prevedendo un pedaggio per chi transita sulla via.
La passeggiata conduce ai Giardini di Augusto, costituiti da una serie di terrazze fiorite che consentono di affacciarsi e godere dall’alto della meravigliosa visione dei faraglioni da un lato e dall’altro della baia di Marina Piccola e della caratteristica via Krupp stessa. Tutt’intorno si trovano Monte San Michele, Monte Tuoro e Monte Tiberio, con le loro fantastiche ville dai tipici tetti a volta, e la Valle della Certosa.
I giardini vennero molto curati durante la realizzazione e lo sono tuttora. Oltre alla loro bellezza e allo straordinario panorama, sono ricchi di storia e curiosità; lungo i viali al suo interno, ad esempio, è possibile imbattersi in una stele dedicata a Lenin, fatta realizzare dallo scultore Giacomo Manzù, oltre alle tantissime statue dal gusto neoclassico.
Questo spettacolo unico dato dai faraglioni, Marina Piccola, la via Krupp e i Giardini di Augusto rappresentano una tappa obbligatoria possibile anche per chi ha poco tempo da trascorrere a Capri; una passeggiata in un’oasi di pace molto apprezzata dagli stessi italiani e anche molto dagli stranieri per varie ragioni storiche, culturali o semplicemente turistiche in una Capri meno mondana e modaiola, in armonia con la natura.

PER ALTRE INFO  CLICCA QUI