CEFALÙ: REGNO DI NORMANNI E MARINAI

Postato su Agosto 07, 2019, 6:41 am
8  minuti

Cefalù è un piccolo borgo siciliano che conserva ancora le tracce del suo passato normanno, con le radici affondate nel mare

di Erika Pomella

Cefalù è un piccolo borgo che sorge sul litorale Nord della Sicilia, a non più di sessanta chilometri da Palermo. Una distanza, questa, che sebbene possa apparire quasi insignificante quanto a chilometraggio, diventa più profonda se si tiene conto dell’anima di questa cittadina di quattordicimila abitanti che mantiene una traccia profonda delle sue antiche radici normanne e arabe.

Cefalù - © Vaghis - Viaggi & turismo Italia - Tutti i diritti riservati

Cefalù – © Vaghis – Viaggi & turismo Italia – Tutti i diritti riservati

Ne è un esempio il Duomo, una basilica che sorge a pochi passi da Corso Ruggero: abbracciata da palme che si agitano sotto una leggera brezza e costruita con una pietra chiara che sembra voler richiamare la cromia del deserto, la Cattedrale della Trasfigurazione è arricchita da tantissime influenze arabeggianti. Leggenda vuole che venne fatta edificare da Ruggero II, che la abbellì con mosaici provenienti direttamente da Costantinopoli, per festeggiare il fatto di essere sopravvissuto ad una tempesta che sembrava essere destinata a distruggere ogni cosa presente sul suo cammino.



Cefalù - © Vaghis - Viaggi & turismo Italia - Tutti i diritti riservati

Il Duomo – © Vaghis – Viaggi & turismo Italia – Tutti i diritti riservati

Sempre a Ruggero II, inoltre, si deve la costruzione di Osterio Magno, uno dei più antichi palazzi del borgo: le mura quadrangolari che lo sostengono sono di chiara derivazione normanna. All’interno del palazzo, dove c’è anche una grande cisterna risalente all’epoca romana, vengono spesso organizzati eventi e mostre, portati avanti dall’ente del turismo di Cefalù, sempre molto attento ad allargare lo spettro d’azione di questo borgo che nonostante le dimensioni ridotte riesce ad essere uno dei poli più importanti per il turismo siciliano.

Cefalù - © Vaghis - Viaggi & turismo Italia - Tutti i diritti riservati

Il borgo marinaro – © Vaghis – Viaggi & turismo Italia – Tutti i diritti riservati

Secondo alcuni dati dell’ISTAT, per esempio, Cefalù arriva addirittura a triplicare la propria popolazione durante i mesi più caldi, quando il richiamo del mare siciliano diventa simile a quello della leggendaria sirena a cui è pressoché impossibile resistere. Il borgo marinaro, con le sue case dalle facciate bianche che si riflettono sul mare dal fondale dolce e cristallino, è uno dei punti più amati dai turisti.



Altro luogo che viene spesso immortalato dagli stranieri che giungono al Lido di Cefalù è la famosa Porta Pescara, l’unica sopravvissuta delle quattro che si affacciavano sulle mura della città, a mo’ di difesa. La si raggiunge lasciandosi alle spalle la Piazza del Duomo e avventurandosi lungo Via Mandralisca: da qui si arriva a questa porta vicino al Porto Antico, il cui arco gotico diventa come un’apertura su un altro mondo, fatto del lento sciabordio delle acque e di scorci da vivere ad ampi polmoni, mentre l’acqua salmastra vi arriccia i capelli. Uno dei momenti migliori per fermarsi sotto Porta Pescara è senza dubbio il tramonto: i colori aranciati del cielo siciliano vi faranno sentire dentro le pagine di un racconto magico.

Cefalù - © Vaghis - Viaggi & turismo Italia - Tutti i diritti riservati

Porta Pescara – © Vaghis – Viaggi & turismo Italia – Tutti i diritti riservati

Per gli amanti degli sport acquatici come il surf o la vela, consigliamo una visita alla famosa Spiaggia di Capo Playa: una spiaggia libera che non mancherà di offrire relax e attrezzature ai villeggianti. Attenzione, però: questa spiaggia è caratterizzata da ciottoli, mentre il fondale cade a picco molto velocemente. Questo fa sì che non sia un luogo adatto alle famiglie con bambini piccoli che vogliono solo godersi una tranquilla gita al mare.



Patrimonio dell’Unesco dal 2015 e cittadina inserita nella lista dei Borghi più belli d’Italia, Cefalù è un luogo mai veramente freddo, in cui anche di inverno le temperature difficilmente scendono sotto gli undici gradi. Una terra che non ha bisogno di presentazioni, almeno non per gli amanti del cinema che l’hanno vista ritratta nell’intramontabile Nuovo Cinema Paradiso  di Giuseppe Tornatore e, più recentemente, in Tutti i Santi Giorni di Paolo Virzi.

Cefalù - © Vaghis - Viaggi & turismo Italia - Tutti i diritti riservati

Il centro storico – © Vaghis – Viaggi & turismo Italia – Tutti i diritti riservati

PER ALTRE INFO  CLICCA QUI