fbpx
Irsina - © Michele Santarsiere
Irsina, tra i Borghi Più Belli d’Italia, si affaccia sulla bella regione a cui appartiene sfoggiando tesori artistici e paesaggi mozzafiato

 

Irsina, in provincia di Matera e il cui nome deriva dal latino Irtini, in onore dei primi abitanti del Monte Irsi, nonché la collina che ospita da secoli il borgo. Quest’ultimo nasce come roccaforte e proprietà dei Normanni, facendosi notare sin dagli albori per i paesaggi soffici e dolci, a ricordare le curve sinuose di una donna, e del colore della speranza accompagnato dalla luce e il tepore del sole. Piccola curiosità: il paesino, annoverato tra i Borghi più Belli d’Italia, nell’Ottocento portava la denominazione di Montepeloso. 

 

 

Il centro storico di Irsina è colmo di bellezze che, nonostante risalgano ad un passato decisamente passato, hanno un valore di tutto dire anche nell’attualità. A partire dalla Cattedrale di Santa Maria Assunta. Inizialmente costruita in stile romanico, è stata rinnovata nel Settecento attribuendole un tocco barocco. Tra le sue caratteristiche principali e rinomate la cripta, il campanile e non solo. Quest’ultima è onorata dalla presenza della statua dalle mille sfumature di Sant’Eufemia, recentemente attribuita al pittore veneto Andrea Mantegna. Proprio lui si è distinto per i dipinti che hanno lasciato il segno nell’epoca in cui ha vissuto, più precisamente Umanesimo e Rinascimento, la culla di artisti altrettanto degni. La presenza di un oggetto di così rara bellezza e prezioso, è oggi motivo di fierezza per gli abitanti della Lucania. Da non perdere è il crocifisso in legno realizzato da un seguace della scuola di Donatello.

 

Irsina - Cattedrale di Santa Maria Assunta

Irsina – Cattedrale di Santa Maria Assunta

 

Per rimanere in ambito artistico, degno di nota è il castello di Federico II risalente al XVIII secolo. All’interno sarà possibile perdersi nella visione di affreschi originari dell’Umbria e di Siena. Proprio accanto all’edificio consacrato si trova il Museo Civico Janora, dall’omonimo storico di Irsina, in cui sono state raccolte perle archeologiche che ammontano a quasi 2000 oggetti. 

Inoltre, la località nostrana si distingue anche per altre particolarità. Credevate che l’ultima volta in cui un essere umano avesse abitato in una grotta risalisse al Paleolitico, vero? Eppure, Irsina anche in questo ha dimostrato di prediligere uno stile controtendenza, perché il centro storico è caratterizzato dalle famose case grotta. Queste ultime richiamano i rinomati sassi di Matera tanto che alcuni esemplari sono protetti dall’associazione FAI. 

 

 

Interessante risulta essere una tradizione in particolare, conosciuta come P’zz’cantò. In realtà la sua origine è straniera, proviene dalla Spagna, o meglio da un paesino catalano, in cui era usanza, nel XVII secolo, organizzare un gioco passato alla storia come Torre Umana. Quest’ultimo si è poi diffuso in altre località del sud Italia, come Scalea, Melfi e la stessa Irsina. In questo meraviglioso borgo, all’avvicinarsi del solstizio d’estate viene organizzata la festa della Pietà durante la quale un gruppo di persone, chiamati pizzicantari, si organizzano in torri di tre piani e danno inizio alla loro traversata girando come trottole, cantando ed avendo un unico obiettivo: non perdere l’equilibrio. 

Irsina, espressione di arte e tradizione, è nel suo piccolo la naca (come definirebbe un lucano nel suo dialetto la “culla”) di un incommensurabile patrimonio. 

  INFORMAZIONI UTILI

Comune di Irsina

Corso Canio Musacchio – 75022 (MT)
Tel. +39 0835628711
Sito web; www.comune.irsina.mt.it

I Borghi più belli d'ItaliaI Borghi più belli d’Italia

Via Ippolito Nievo 61, Scala B
00153 Roma

Tel. +39 06 4565 0688
Sito web: www.borghipiubelliditalia.it

Email: [email protected]