fbpx
Villa Ficana
Nata dalla terra e dal fango, Villa Ficana è ora pronta a mostrare il suo lato migliore, fatto di storia, arte e tradizione

Situato alla periferia settentrionale di Macerata, presso il colle Santa Croce, il borgo di Villa Ficana ci invita a entrare in uno di quei luoghi dove la storia non solo è importante in quanto testimonianza del passato, ma è cruciale per comprendere appieno quanta tortuosa strada questo agglomerato di case di terra e paglia abbia dovuto compiere per arrivare, alla fine, a trasformarsi nella versione migliore di sé, quella che oggi si offre alla curiosità di turisti, abitanti del posto, scolaresche ed esperti nel settore edilizio e paesaggistico.

 

Villa Ficana

Villa Ficana

 


Prima di soffermarci sull’odierno volto di questo peculiare centro marchigiano di atterrati nominato nel 2003 dalla Soprintendenza regionale delle Marche del Ministero per i Beni e le Attività culturali borgo di interesse da tutelare, è bene fare un balzo indietro nel tempo, almeno fino al XIX sec.
È infatti questo il periodo in cui facciamo la conoscenza di una terra dove l’unione di fattori differenti, a partire dal boom demografico della popolazione contadina, una povertà più o meno generalizzata e le necessità abitative derivanti da ambedue questi aspetti, sembrava aver generato una località con ben poco da offrire. 

 

Casa museo Villa Ficana

Casa museo Villa Ficana

 

Immaginate come doveva configurarsi all’epoca Villa Ficana: 7000 m2 di superficie coltivata, piccole, semplici e povere abitazioni in terra cruda, dove il degrado era un ospite abituale e le famiglie di braccianti e piccoli proprietari terrieri casanolanti tentavano di sbarcare il lunario, mentre intorno a loro germogliava un preconcetto destinato a proliferare e a soffocare per lunghi decenni, come una pianta infestante, le potenzialità del borgo: quello di un agglomerato di case sporche e spesso manomesse. In altre parole, un paese perso.

 

Villa Ficana

Villa Ficana

 


Avviciniamoci ora al presente ed entriamo a gamba tesa alle porte del terzo millennio: in seguito al sopra citato riconoscimento legislativo del valore culturale di Villa Ficana e all’avviamento di importanti lavori di restauro tra il 2005 e il 2006, il borghetto marchigiano si è finalmente reso protagonista di una nuova fase, fatta di rinascita e desiderio di riscatto.
Sulla scia di queste premesse, il 21 maggio 2016 è stato inaugurato l’Ecomuseo di Villa Ficana, che con i suoi itinerari, laboratori didattici e incontri, porta avanti la missione di trasformare gli atterrati in un’occasione per grandi e piccini per scoprire un’antica e tradizionale tecnica costruttiva e, come sottolineatoci dalla coordinatrice del museo, Martina Fermani, tutta la particolarità di un luogo dove questo stesso metodo, diversamente dagli altri paesi del centro-sud Italia, non viene applicato limitatamente a una casa o due, ma va a costituire l’elemento preponderante di un intero borgo più vivo che mai, il borgo delle case di terra.

  INFORMAZIONI UTILI

Ecomuseo di Villa Ficana

Borgo Santa Croce, 87 – 62100 Macerata (MC)
Tel. +39 0733470761
Sito web: www.ecomuseoficana.it

Comune di Macerata

Piazza della libertà, 3 – 62100 Macerata (MC)
Tel. +39 07332561
Sito web: www.comune.macerata.it