fbpx

Nonostante il timore dei contagi, l’aeroporto di Trapani Birgi scommette su nuove ipotesi di sviluppo. Ultima novità, l’accordo con la compagnia aerea greca Lumiwings, che collegherà il Vincenzo Florio a Forlì dal 28 marzo e dalla prima settimana di giugno agli scali di Santorini, Rodi e Heraklion (Creta). L’aeroporto di Forlì sarà funzionale a ulteriori collegamenti in connessione con Trapani alle città di Katowice e Lodz, in Polonia e con Arad, in Romania. «Non abbiamo smesso di lavorare e programmare per offrire al territorio nuove occasioni di crescita – dice il presidente di Aigest Salvatore Ombra. Lumiwings, fondata ad Atene nel 2015 è una compagnia giovane e dinamica che grazie alla grande esperienza dei soci, maturata nei settori charter e ACMI (noleggio ad altre compagnie aeree), si propone adesso anche come compagnia di linea a tutti gli effetti». Nelle scorse settimane il board dello scalo trapanese ha reso note le principali modifiche al timetable invernale. Il Vincenzo Florio, continua a essere l’aeroporto siciliano collegato con Trieste, raggiungibile solo attraverso i voli, in continuità territoriale, assegnati a Tayaranjet, vettore bulgaro che a due mesi dall’inizio delle attività su Trapaniè l’unico a non aver operato cancellazioni o riduzioni previste dal bando che prevede anche tratte per Ancona e Perugia.

Tre le mete italiane collegate a Birgi ci sono anche Parma, Napoli e Brindisi, in continuità territoriale con la compagnia aerea Albastar che garantisce anche i collegamenti con Roma e, di nuovo dal 5 marzo, con Milano Malpensa. Resta invece sospeso fino ad aprile il volo su Cuneo.

Da Trapani si continua a volare verso Torino con Blue Air. Il collegamento con Bologna operato da Ryanair è sospeso per tutto febbraio. Nessuna variazione invece sul volo verso Pantelleria, con DAT.

  INFORMAZIONI UTILI