CANEDERLI GLI ANTICHI NODI TRENTINI

Postato su Gennaio 14, 2017, 3:42 am
5  minuti

I canederli: un’arte in tutti i sensi

di Anastasia Quadraccia

Trattare dei canederli solo come espressione della gastronomia altoatesina, significherebbe semplicemente dare la ricetta del come questi piccoli nodi, questo il significato della parola tedesca knot da cui “canederli”, vengano preparati, tralasciando tuttavia la storia e il legame, ben più importanti, che il Trentino ha con questo piatto.

I Canederli

I Canederli

I canederli sono infatti una pietanza dalla remotissima tradizione: nella Cappella di Castel d’Appiano (BZ), datata al 1131 con affreschi risalenti agli inizi del secolo successivo, è raffigurata la Madonna, sdraiata su un letto, affiancata da un Gesù Bambino in culla, in atto di rivolgersi ad una ancella che, con la padella posta sopra al fuoco, sta assaggiando proprio un canederlo.
Accanto a questa versione leggendaria raccontata attraverso un’immagine, non può mancare quella riportata dalla tradizione orale che collega invece l’origine dei canederli al passaggio dei Lanzichenecchi.
Secondo la leggenda, i Lanzichenecchi, stremati dal freddo e dalla fame, assalirono l’osteria di una povera donna, intimandole di provvedere al loro ristoro. La donna allora, pur non avendo granché nella dispensa se non pane raffermo e avanzi, ma disponendo di ottime doti culinarie, preparò questi grossi e gustosi gnocchi di pane, che rifocillarono i soldati e le salvarono la vita.
Come si evince quindi dal racconto, i canederli sono un piatto della tradizione povera, nati dalla cultura contadina, che prevede il riuso degli avanzi. Nell’impasto di pane amalgamato con uova, latte, farina, possono essere aggiunti a piacimento erbe, cipolle, funghi, speck e spinaci.

Alla versione originale, salata, si affianca la versione dolce con burro, chiodi di garofano, albicocche o prugne.
Infine, un consiglio: per non offendere l’anima dell’ostessa domatrice di Lanzichenecchi che è in ogni massaia altoatesina, mai tagliare un canederlo con il coltello, sempre con la forchetta!

ARTICOLO SUCCESSIVO

LA MORETTA FANESE